» Meteo scoperte e ricerca

17/6/18 - Regioni d' Italia ad alto rischio tornado

Carta delle precipitazioni nei prossimi mesi

TORNADO e trombe d’aria, sinonimi con lo stesso significato, risultano in quest'ultimo decennio presentarsi sempre più spesso sull'Italia anche se con minor intensità rispetto a quelli giganteschi e catastrofi che colpiscono periodicamente gli Stati Uniti, i Caraibi, le Filippine e altri paesi lontani ed esotici. Eppure non mancano gli esempi tragici anche nel nostro Paese solo alcuni del 2018 come le trombe d'aria che hanno interessato il Veneto, la Toscana, la Campania nel Casertano il 13 marzo 2018 e in ultimo la Puglia solo pochi giorni fa il 15 giugno 2018. Per la maggior parte degli eventi le trombe d’aria che colpiscono la terraferma, nascono nella metà dei casi sul mare e si spostano poi raggiungendo le varie località sulla costa. Rimangono poi da ricordare gli eventi anomali e rari rimasti negli annuari meteo, come la tromba d’aria che nel 2012 uccise un operaio dell’Ilva e produsse danni per milioni di euro. O ancora quello di Mira-Dolo del 2015, che provocò una vittima, distrusse decine di abitazioni private e rase letteralmente al suolo una storica villa settecentesca. Per fortuna, oggi anche l’Italia ha il suo cacciatore di Tornado: è Mario Marcello Miglietta, ricercatore dell’Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr e professore a contratto presso l'Università del Salento, che in un recente studio pubblicato sull’International Journal of Climatology ha mappato trombe d’aria e trombe marine che hanno colpito il nostro Paese negli ultimi 10 anni. Effettuando diverse scoperte interessanti.


UN FENOMENO POCO STUDIATO
Quello delle trombe d’aria d’altronde è un campo poco studiato in Italia: a parte qualche ricerca pubblicata a cavallo tra gli anni '90 e i 2000, le analisi scientifiche del fenomeno sono ancora piuttosto carenti. E le ragioni probabilmente vanno ricercate nelle caratteristiche dei tornado nostrani. "Anche se possono causare ingenti danni, le trombe d’aria che colpiscono il nostro territorio hanno una piccola portata", spiega Miglietta. "Quella di Taranto del 2012, ad esempio, ha interessato un’area larga circa 300 metri e lunga una decina di chilometri. Molto contenuta dunque rispetto ad altri fenomeni meteorologici come alluvioni, grandinate o piogge intense, ma sufficiente comunque per provocare ingenti danni quando il tornado colpisce una zona abitata o un’area produttiva come l'Ilva". Per questo, l'esperto del Cnr ha deciso di realizzare la sua ricerca

Carta delle temperature nei prossimi mesi



LA RICERCA
Per il suo studio Miglietta è partito dalla banca dati dell'European Severe Storm Laboratory, un ente autonomo che studia e monitora gli eventi meteo estremi su tutto il territorio europeo. Trattandosi di un dataset continentale, la copertura dei fenomeni registrati per ogni singola regione, o paese, non è altissima, e il ricercatore ha quindi deciso di integrare i dati disponibili con altre fonti: le notizie riportate dai media, e le testimonianze raccolte in prima persona da gruppi e forum di appassionati su internet. In questo modo ha ottenuto una mappatura che mette in luce le proporzioni del fenomeno, e rivela quali sono le aree più colpite. In media ogni anno l’Italia è colpita da 37 trombe d’aria e 71 trombe marine, di potenza variabile. Esiste inoltre una forte variabilità annuale, con il picco degli ultimi 10 anni registrato nel 2014, un anno anomalo a livello meteo, in cui sono state registrate 141 trombe d’aria e 76 trombe marine. E anche se nella maggior parte dei casi si tratti di fenomeni di potenza limitata, quelli pari o superiori al secondo grado della scala Enhanced Fujita (o EF 2, capaci cioè di produrre danni considerevoli a cose e persone) sono stati ben 24 nell’arco di 10 anni.
 
GLI HOT SPOT
Non tutta la penisola comunque ha le stesse probabilità di sperimentare un tornado. Tre zone, in particolare, presentano il rischio maggiore. La prima è la pianura veneta, dove si registra il record di eventi pericolosi: è in quest’area che è avvenuto l’unico evento EF5 registrato in Italia, il tornado del Montello del 1930, i cui venti che soffiavano a quasi 500 chilometri orari uccisero 23 persone e devastarono un’area lunga 80 chilometri. In questa zona il fenomeno è comune in primavera e in estate – spiega Miglietta – ed è causato dall’incontro dell’aria calda proveniente dalla Pianura Padana con quella fredda che scavalca le Alpi.
Le altre due sono invece il litorale tra Lazio e Toscana e il Salento, dove sono molto comuni le trombe marine, ma i fenomeni risultano in media meno potenti, e colpiscono nella tarda estate quando banchi di aria calda entrano in contatto con la superficie del mare ancora piuttosto caldo. “In queste tre zone abbiamo una frequenza di tornado che è sovrapponibile a quella delle aree più colpite degli Stati Uniti, anche se ovviamente i danni che causano non sono paragonabili, conclude il ricercatore del Cnr.
In ogni caso dallo studio emerge chiaramente che anche da noi si tratta di un fenomeno fin troppo comune. Per questo motivo si dovrebbe riflettere sull’opportunità di attivare in futuro un sistema di allerta precoce modulato su quanto realizzato negli Stati Uniti, qualcosa che in Europa ancora non esiste. E nonostante richiederebbe almeno una decina di anni per essere messo in funzione, potrebbe rappresentare uno strumento importante, visti gli ingenti danni che possono provocare anche questi fenomeni di potenza tutto sommato ridotta.

Autore: Mario Marcello Miglietta
Institute of Atmospheric Sciences and Climate - National Research
Council
ISAC-CNR


A cura di Dr. Mario Marcello Miglietta




Questo articolo è stato letto 3123 volte


Articolo aggiornato ogni 15 giorni

Immagine ultimi articoli Gli ultimi articoli


Immagine archivio meteo scoperte ricercaArchivio articoli meteo scoperte ricerca