» Articolo Naturalistico

21/8/22 - Meduse

Meduse

Le meduse sono degli animali temuti nei mari e negli oceani per le loro dolorose punture, che in certe occasioni possono anche essere mortali. Esistono persino leggende su meduse giganti capaci di affondare navi. Non si può negare che molte meduse sono pericolose o quanto meno moleste. La loro maniera di cacciare non è attiva, semplicemente aspettano che le prede cadano nei loro lunghi tentacoli. Anche quest’anno in alcune zone negli strati più superficiali del mare, sono comparse tantissime meduse. Si tratta di un fenomeno naturale, correlato principalmente alla temperatura dell’acqua e alla disponibilità di cibo, che caratterizza il ciclo biologico delle meduse. Tuttavia, negli ultimi anni, le popolazioni di alcune meduse nel mare Mediterraneo sono visibilmente aumentate, questo perchè come si può osservare, è che il mare è sempre più caldo. Nel Mar Mediterraneo si trovano varie specie di meduse, alcune pericolose altre meno. La loro presenza vicino alla riva del mare provoca il divieto di balneazione nelle spiagge. Le meduse del Mediterraneo sono: Caravella protoghese (Physalia physalis),Medusa bruna (Chrysaora hysoscella), Cassiopea mediterranea (Cotylorhiza tuberculata) Medusa fluorescente (Pelagia noctiluca) Medusa comune (Aurelia aurita) Aequorea victoria (Aequorea forskalea) Medusozoa (Rhizostoma pulmo) Cubozoa (Carybdea marsupialis) Medusa capovolta (Cassiopea andromeda) Barchetta di San Pietro (Velella velella).

Meduse

Le meduse appartengono a un philum di animali chiamati celenterati. Ai celenterati appartengono 10.000 specie di meduse, delle quali 20 sono di acqua dolce, mentre tutte le altre sono marine. Il loro corpo è caratterizzato da simmetria radiale, costituito come un sacco chiuso con un unico orifizio per l'entrata degli alimenti e l'uscita dei materiali di scarto. Questi animali inoltre posseggono delle cellule specializzate conosciute come nematocisti o cnidocisti è sono urticante, e serve alla medusa per cacciare e per difendersi. Questi nematocisti si trovano sui tentacoli di questi animali ed è a causa loro che provocano le punture. Un altro tipo importante di cnidocisti sono i pticocisti, che secernono una sostanza vischiosa per catturare piccoli animali o particelle nutritive. Le meduse si dividono in depredatrici o sospensivore, ciò significa che o cacciano pesci oppure filtrano l'acqua che le circonda, ritenendo particelle alimentari, il plancton appunto. Per cacciare i pesci usano i nematocisti di cui sono forniti i loro tentacoli. Si tratta come detto di cellule che secernono sostanze urticanti o appiccicose, a seconda del tipo di medusa. Si attiva mediante un cnidocilio sensibile al contatto. Le meduse hanno una grande variabilità di dimensioni, alcune specie infatti sono giganti. Altre sono così piccole che hanno le dimensioni del polpastrello del dito, come ad esempio la medusa irukandji. Ciò nonostante la sua puntura non è meno pericolosa!

Meduse

Le meduse giganti possono superare i due metri e pesare più di 200 kg. Se teniamo conto dei tentacoli alcune meduse sono lunghe anche 30 metri, ad esempio la medusa criniera di leone, che è una delle meduse più grandi al mondo. Ma nessuna può competere con la medusa gigante nomura (Nemopilema nomurai) che supera i tre metri di diametro. In Giappone le meduse vengono impiegate per fare il sushi e la tempura. In Cina vengono consumate fritte oppure essiccate, in Tailandia vengono trasformate in spaghetti, in Vietnam invece vengono mangiate in insalata e abbinate a frutta e verdura. Piatto tradizionale in Cina e in vari paesi del Sud-est asiatico, le meduse in Europa e in Italia non sono ancora autorizzate per uso alimentare. Eppure, sono una fonte di proteine, povere di calorie e di grassi, contengono elementi preziosi come aminoacidi, magnesio e potassio, hanno proprietà antinfiammatorie e antiossidanti.


A cura di Staff Di Meteowebcam.it




Questo articolo è stato letto 464 volte


Articolo aggiornato ogni 15 giorni

Immagine che rappresenta gli ultimi Gli ultimi articoli naturalistici


Ritorna all'ultimo Articolo naturalistico

Immagine di un archivioArchivio Articoli Naturalistici