» Articolo Naturalistico

23/11/18 - Insetti commestibili e chi li mangia?

Insetti commestibili e chi li mangia?

Mangiare insetti commestibili è un’idea che ripugna ma incuriosisce. Nella storia dell’umanità non esistono tradizioni alimentari basate su insetti, che sono un cibo di sussistenza solo in regioni con cibo scarso. Le aree dove li considerano commestibili sono a macchia di leopardo, nel mondo. In alcune enclave asiatiche, sì, anche in Italia in Sardegna e il casu marzu ossia il formaggio coi vermi che è da alcuni reputato una delizia: ma non per questo si può generalizzare dicendo che i cinesi e i sardi mangiano insetti.
La curiosità e la diffidenza aumentano di pari passo, anche perché stiamo affrontando uno spaventoso aumento della popolazione mondiale e ci sarà una nuova caccia alle risorse alimentari, nuove, inusuali.

Insetti commestibili e chi li mangia?

A livello di sostenibilità, secondo le prime ricerche prese in esame dalla Fao, gli insetti sarebbero anche molto efficienti nel convertire ciò di cui si cibano ,rifiuti, in proteine. Dall’Università di Wageningen nel cuore della food valley olandese uno degli autori del rapporto Fao Insetti commestibili, Arnold van Huis, sanciva qualche tempo fa che In Occidente abbiamo un pregiudizio culturale e pensiamo che gli insetti, solo perché sono mangiati in Paesi in via di sviluppo, non possano essere buoni. Andrea Mascaretti, presidente del comitato scientifico del Salone Cibo Sicuro, ha detto ad Annalisa Cavaleri durante Expo Milano Molluschi, granchi, aragoste e gamberi, se ci pensiamo bene, visti da vicino non appaiono poi molto diversi da alcuni insetti. In Thailandia si mangiano scorpioni arrostiti e ragni fritti, che sono considerati dalla popolazione locale delle vere e proprie leccornie: sono aracnidi molto diffusi nello street food asiatico insieme ad insetti come grilli, locuste e bachi che vengono fritti, arrostiti o stufati con salse piccanti. Le termiti e i bruchi sono considerati un ottimo alimento in buona parte dell’Africa, mentre in Madagascar si possono assaggiare alcune specie di farfalle fritte con la pastella. Potrei continuare a lungo, perché gli insetti commestibili, secondo la Fao, appartengono alla dieta di 2 miliardi di persone, quasi un terzo della popolazione mondiale. Tuttavia gli insetti non sono un alimento tradizionale, per nulla. Sono considerati difatti novel food, quindi soggetti a nuove indagini e controlli di cautela.

Insetti commestibili e chi li mangia?

In Europa per fortuna è una moda poco diffusa e anche nel mondo non si consumano in grandi quantità, dunque, ed è raro che siano il piatto principale. Per sopravvivenza, le tribù di raccoglitori in Africa e in Amazzonia, per tradizioni gastronomiche che li reputano una delicatessen ,come gli snack di grilli thailandesi o il mezcal col verme messicano, oppure, come la maggior parte degli occidentali, senza neanche accorgersene ,(fino a tre etti all’anno,, tra la conserva di pomodoro e le verdure bio. Comunque anche se Università e culture alternative puntano sugli insetti a me sembra siano cibi più adatti agli uccelli, per chi non muore di fame una bella bistecca non è paragonabile a una manciata di vermi.  Recita un antico proverbio dimmi come mangi e ti dirò chi sei.


A cura di Staff Di Meteowebcam.it




Questo articolo è stato letto 348 volte


Articolo aggiornato ogni 15 giorni

Immagine che rappresenta gli ultimi Gli ultimi articoli naturalistici


Ritorna all'ultimo Articolo naturalistico

Immagine di un archivioArchivio Articoli Naturalistici