» Articolo Naturalistico

8/10/18 - Il canto ineguagliabile di una balena misteriosa

Il canto ineguagliabile di una balena misteriosa

Da oltre venti anni, le acque dell’Oceano Pacifico sono attraversate da una balena misteriosa, di cui si conosce solo il canto e che gli scienziati hanno chiamato, semplicemente, “52”. Questo particolare cetaceo, canta senza posa alla frequenza di 52 Hz ma il suo canto ha caratteristiche mai riscontrate in altri esemplari. La balena è stata scoperta nel 1989 da una squadra del Woods Hole Oceanographic Institution e poi osservata nuovamente sia nel 1990, sia nel 1991[2]. Nel 1992, a seguito della fine della guerra fredda, la Marina Militare degli Stati Uniti d'America rese parzialmente pubbliche le registrazioni e le specifiche tecniche del sistema anti-sommergibile SOSUS (Sound Surveillance System), permettendone l'uso per le ricerche oceanografiche. Secondo gli scienziati, i suoni profondi comunemente emessi dalle balene, tanto potenti da superare chilometri e chilometri di acqua, sono canti di corteggiamento prodotti dai maschi per raggiungere e attrarre gli esemplari femmina.

Il canto ineguagliabile di una balena misteriosa

I ripetuti e instancabili canti di 52, con la loro peculiare frequenza di 52 Hz (da cui il nome attribuitogli dagli scienziati), ben superiore a quella che caratterizza i suoni emessi da ogni altra balena, sarebbero pertanto tentativi di procurarsi una compagna. E si sarebbero rivelati infruttuosi, almeno fino ad oggi, proprio per la loro natura anomala: sono, infatti, troppo acuti, al punto che nessun altro cetaceo sarebbe in grado di coglierli e riconoscerli. Negli anni a seguire, e con una certa regolarità a partire dal 1992, il canto di 52 ha permesso di rilevarne più volte la presenza nelle acque statunitensi e di registrarne gli spostamenti, che non sono mai correlati alla presenza o al movimento di altre specie di balene.

Il canto ineguagliabile di una balena misteriosa

Segno che 52, per quanto i suoi movimenti appaiano analoghi a quelli delle balenottere azzurre, anche se, a detta degli scienziati, con una tempistica più simile a quella delle balenottere comuni, ha sempre viaggiato e continua a viaggiare da solo. Di anno in anno, 52 nuota dalle acque della California centrale fino alle Isole Aleutine, a nord del Pacifico, percorrendo migliaia di chilometri al ritmo di 30-70 al giorno e continuando ad emettere richiami che nessuno dei suoi simili riesce ad udire.Gli studiosi non sono stati in grado di identificare la sua specie di appartenenza: le due tesi più diffuse sostengono che possa trattarsi di un esemplare malformato oppure di un ibrido, nato dall’incrocio tra una balenottera azzurra e un’altra specie di balena. Ma non ci sono vere certezze, anche perché nessuno scienziato ha mai "incontrato" 52.


A cura di Teresa Memola




Questo articolo è stato letto 659 volte


Articolo aggiornato ogni 15 giorni

Immagine che rappresenta gli ultimi Gli ultimi articoli naturalistici


Immagine di un archivioArchivio Articoli Naturalistici